Resistenza all'effrazione

La pre-norma ENV 1627: 1999 applicata fino al 2011, che da allora è stata sostituita dalla norma europea EN 1627: 2011. La norma si applica a porte, finestre, facciate continue e chiusure e definisce le classi di resistenza, i tempi di resistenza (tempo in cui un prodotto può resistere a un'effrazione), i tipi di autori e la procedura. Da settembre 2011, le classi di resistenza non sono più designate con WK (classe di resistenza), ma con “RC” per “classe di resistenza”. Le classi di resistenza RC1N e RC2N, che possono essere implementate solo con vetri per finestre standard, sono state introdotte di recente. Serratura e montaggio) non sono punti deboli.

Classe di resistenza Vetri
DIN EN 356
Tipo di attacco/arma Tempo di prova manuale DIN V EN 1630
RC1 / WK1 Vetro di sicurezza laminato Protezione di base contro la violenza fisica/vandalismo: calci, spinte, salti. Poca protezione contro gli strumenti a leva -
RC2 / WK2 P4 A Protezione contro la violenza fisica e strumenti semplici come cacciaviti, cunei, pinze, seghetti alternativi, seghetti o seghetti 3 - 15 minuti
RC3 / WK3 P5 A

Inoltre: trapano a mano, martello da ingegnere, cacciavite e piede di capra

5 - 20 minuti
RC4 / WK4 P6 B

Uso aggiuntivo di strumenti per segare e percuotere come ascia, scalpello, martello, tagliabulloni, cesoie per latta, scalpello, trapano a batteria

10 - 30 min
RC5 / WK5 P7 B

Autore esperto: uso aggiuntivo di utensili elettrici come un trapano, un seghetto alternativo o una sega alternativa e una smerigliatrice angolare

15 - 40 min
RC6 / WK6 P8 B

Persecutore esperto: uso aggiuntivo di strumenti elettrici ancora più potenti

20 - 50 min
Fonte: sitec.de

Quando si richiede la resistenza antieffrazione, si prega di notare:

Il vetro blindato non è testato secondo lo standard per la resistenza all'effrazione secondo DIN EN 1627 - il vetro è testato secondo DIN EN 356 secondo la cosiddetta resistenza allo sfondamento.

Con sfondamento resistenza, viene utilizzata un'ascia per verificare se c'è un perpetratore (in un periodo di tempo specificato dalla norma) è possibile creare un'apertura delle dimensioni di 40 x 40 cm attraverso la quale può entrare nell'edificio sono mescolati tra loro, come è il caso delle porte e finestre vetrate.

Quando si testano porte e finestre antieffrazione nei livelli alti RC5 e RC6 (WK 5, WK6), nei test viene utilizzata anche una smerigliatrice angolare Utilizzare, ma non durante il test del vetro per la resistenza allo sfondamento.

Con una smerigliatrice angolare, un'apertura può essere flessa fuori dal vetro antiproiettile in pochi minuti, attraverso la quale un ladro può entrare.

Quindi se è una porta a vetri it e le finestre devono essere consegnate in conformità con la resistenza all'effrazione RC5 e RC6, la vetratura normale è un punto debole assoluto che non soddisfa il requisito di resistenza all'effrazione a questo livello.

Anche con le classi inferiori, c'è protezione antieffrazione per vetrate normali Elementi un punto debole:

Il test antieffrazione presuppone sempre che venga praticata un'apertura (40 x 40 cm) per penetrare nell'edificio. Nel caso delle porte, invece, è molto più rapido sbattere una piccola apertura nel vetro per penetrare con un attrezzo o con la mano e azionare maniglia, chiave, pomolo all'interno della porta Anta antieffrazione le finestre e le porte vetrate possono essere dotate di maniglie con serratura.

Le porte devono essere sempre chiuse a chiave e la chiave non deve essere all'interno.

Una porta chiusa a chiave aiuta anche con le porte antieffrazione con via di fuga e funzione antipanico Porte no, in quanto la maniglia della porta deve sempre aprire la serratura della porta chiusa. Nel caso di porte con funzione antipanico, quindi, la normale vetratura non è sufficiente secondo la classe di prova richiesta, poiché la maniglia della porta può essere facilmente azionata attraverso un foro nella vetratura. (vedi foto) - La porta si apre - la classe di resistenza non è raggiunta.



Le porte antipanico e antipanico necessitano quindi di vetri speciali (vetro composito in policarbonato) per prevenire tali attacchi.

La norma EN 1627 descrive l'attacco alla costruzione e ai componenti associati, ma non l'attacco diretto al vetro. Le successive norme 1628-carico statico, 1629-carico dinamico e 1630-prova manuale integrano al riguardo la EN 1627. Nella norma 1630 viene specificato l'attacco manuale al vetro. I singoli set di utensili - da A1 a A6 - devono essere utilizzati come descritto nella norma. Lì sono specificati anche i tempi di attacco.

Contattaci e troviamo insieme il prodotto giusto per le tue esigenze.

Importante: una lastra in policarbonato posizionata in modo lasco dietro una lastra di vetro non soddisfa i requisiti. Le due lastre (policarbonato e vetro) devono essere collegate tra loro con un procedimento speciale. Questo è l'unico modo per raggiungere le classi di resistenza.